Vescovo Restauri è una azienda artigianale altamente specializzata che opera nel campo del restauro delle macchine da scrivere meccaniche di tutte le marche. Esperienza, passione, dedizione, unite all'uso di tecniche tradizionali e moderne in perfetta sinergia tra loro, garantiscono un’attenzione e una qualità dei lavori oggi rare a trovarsi. Ogni macchina da scrivere affidata viene revisionata oppure restaurata, in entrambi i casi riconsegnandola nelle vostre mani bella e perfettamente funzionante, con certificato di collaudo scritto.

 Molteplici sono i processi e i macchinari utilizzati, che variano in base alla condizione iniziale della macchina ed al risultato finale che si vuole ottenere. Restauri esplicativi del lavoro svolto possono essere in primis quelli di Olivetti M1: la prima e più rinomata macchina per scrivere italiana. Considerato l'alto valore economico di questo modello, nei restauri di Olivetti M1 si curano i dettagli in maniera maniacale. Sono lavori impegnativi sotto tutti i punti di vista per via della complessità meccanica senza paragoni, unita all'estrema difficoltà nel trovare ricambi, che spesso quindi devono essere ricostruiti alle macchine utensili.

 Sfogliando tra le pagine di questo sito internet, potrete apprezzare vari tipi di lavori: dal restauro totale che porta la macchina da scrivere in condizioni realmente pari al nuovo, al restauro conservativo, più rispettoso della sua storia e del suo vissuto.


Una serata Veneziana, Piazza S.Marco.

Come è nata la macchina da scrivere? Cosa l’ha portata dall’essere così costosa che potevano permettersela solo banche e grosse aziende ad essere compatta, leggera ed economica, tanto da entrare nelle nostre case e diventare inseparabile compagna di viaggio dello scrittore e del giornalista?

Ospite del Negozio storico Olivetti di Piazza San Marco, gestito dal FAI (Fondo Ambiente Italiano) una serata magica passata tra la storia delle macchine da scrivere, imparando i principi di funzionamento, le parti principali, la variazione della produzione dapprima artigianale poi industriale, e tante altre curiosità. Infine grandi e piccini toccando con mano alcune macchine perfettamente funzionanti hanno riscoperto l’emozione e la bellezza di questa scrittura. Altri articoli.


1879, Remington standard 2: la prima macchina da scrivere industriale

Questa splendida macchina da scrivere di fine '800 fu la prima ad essere prodotta in numero considerevole, e quindi in questo senso "industriale".

La macchina è del tipo a scrittura cieca, per vedere quello che si stava scrivendo bisognava alzare tutto il rullo... e poi riabbassarlo per continuare la scrittura.

La soluzione meccanica più rilevante è l'introduzione per la prima volta del tasto delle maiuscole.

Vedi approfondimento.


1887, Yost 1

Un cinematismo geniale portò al successo questa macchina da scrivere e la rese il prodotto con la miglior qualità di scrittura presente sul mercato per molti anni.

La macchina era prodotta a Bridgeport, USA.

L'idea del cinematismo a cavalletta Yost fu applicato anche sulle macchine da scrivere successive a scrittura visibile di questa casa.

Il restauro è stato impegnativo per la mancanza di alcuni componenti che si sono dovuti ricostruire basandosi su foto e su elementi speculari presenti sulla macchina.

Vedi il restauro.


1900, Caligraph New Century

La macchina si presentava in condizioni di conservazione discrete se non fosse per le 7 gravi rotture al telaio di ghisa e alle staffe del carrello. Macchine come questa sono meravigliose e ricercate dai collezionisti europei, ma praticamente introvabili sul nostro mercato. Devono perciò affrontare un viaggio molto rischioso per arrivare nelle nostre case, viaggio che a volte, come in questo caso, ha tragiche conseguenze. Vedi il restauro


1901, Fay - Sholes

Fay Sholes è una meravigliosa macchina da scrivere americana a scrittura cieca dei primissimi anni del '900. Il restauro si è rivelato piuttosto complesso per via delle numerose e gravi rotture che presentava.

Il principale punto di interesse collezionistico della macchina è il meccanismo delle maiuscole, primo nel suo genere, basato sullo spostamento del cestello dei caratteri e non del rullo come precedentemente aveva adottato nel 1879 Remington con la Mod. 2.

Vedi approfondimento.


1905, Mignon 2 AEG  rossa

E' una macchina che suscita sempre curiosità tra il pubblico quando viene esposta alle mostre. Il meccanismo all'interno è elementare: Il "pennino" che utilizza l'operatore per selezionare le lettere è collegato ad una cremagliera che imprime la rotazione al tampone, e ad una cerniera che permette il movimento lungo l'asse del tampone; due pettini con invito permettono il posizionamento esatto del tampone sui una serie di punti prestabiliti.

I primi esemplari di mignon 2 vennero prodotti anche nella versione rossa. E' questa una variante molto rara e si differenzia oltre che per il colore sgargiante anche per altri dettagli come la punzonatura ad asola al centro del poggiafoglio al fine di evitare che riponendola in valigia il tampone ammaccasse la lamiera.


La macchina americana.. più ignorante

La Rex Visible! Iniziato il suo restauro questa macchina da scrivere mi ha subito colpito per le sue (assenti) finiture meccaniche, per il sovradimensionamento degli organi del cinematismo e del telaio. Il modello su cui ho lavorato è databile 1916, ma fu commercializzata fin dal 1911 con il nome di "Harris Visible". Ricercando la sua storia in siti di settore mi sono imbattuto in una locandina pubblicitaria che recitava "Garantita per 10 anni, le aste sono il 50% più resistenti di quelle delle altre macchine, costruita per sopravvivere a tutto." Il mio presentimento era quindi fondato, si tratta di una macchina volutamente sovradimensionata, ma grezza per riuscire a rimanere nel prezzo di vendita di 39.80 dollari (1914), che va paragonato ai 58.30 dollari che servivano per acquistare una Lc Smith Corona. Vanno comunque tenute a mente la raffinatezza delle soluzioni meccaniche di quest'ultima, che condizionavano un prezzo superiore.

Il cinematismo non ha nessun sistema di fine corsa per la sovrapressione delle aste, che essendo pure molto grosse tendono a rovinare foglio e rullo se non si usa un tocco adeguato.

Una soluzione meccanica simpatica è invece il meccanismo di sgancio rapido del carrello che consiste in una leva che tiene premuto il rullo, disimpegnabile grazie ad una piccola levetta eccentrica. Soluzione utile in assistenza vista la alta usura del rullo, che andava quindi periodicamente ripassato al tornio.


1975, la pallina scrivente della Olivetti

E' stata una revisione piuttosto impegnativa, ma l'emozione di fare rivivere una macchina elettromeccanica complessa e raffinata come questa ripaga ogni sforzo!

E' la seconda Olivetti Lexikon 90 che revisiono, e vi ho trovato gli stessi problemi della prima: meccanica completamente bloccata dal grasso secco;  innesto frontale rotto sul lato frizione dell'avvolgimento del nastro; frizione in sughero di ritorno del carrello che scivola; cinghie da tirare; nastro secco che bisogna re-inchiostrare vista la difficile reperibilità delle sue speciali cartucce. Puoi trovare qui, tra i restauri da me effettuati un articolo sul funzionamento di questa splendida macchina da scrivere e la sua revisione.