1936, Invicta Mod. 60

 INVICTA 60 prodotta dalla "Società Anonima Invicta - Torino" venne immessa sul mercato nel 1936 ed è una macchina da scrivere semplice, sobria, funzionale, robusta. Si posiziona nel segmento delle ''Standard'', nasce come concorrente della Olivetti M40 ma sia come finiture che come soluzioni meccaniche non ne risulta all'altezza. In quanto al funzionamento funziona piuttosto bene, però alla prova di scrittura non è capace di donare grandi emozioni: la sensazione sulle dita ed acustica che produce il cinematico è simile a quella di una Underwood N°5. Il carrello invece è decisamente più qualitativo: monta su guide di ghisa con scorrimento a rulli, questo ed altre soluzioni adottale lo rendono piuttosto piacevole da operare. Probabilmente deve essere stato studiato un giusto compromesso tra semplicità di produzione ed affidabilità, così da garantire il miglior prezzo per una macchina che fosse funzionale e duratura, senza fronzoli. La concorrenza con Olivetti M40 non durò a lungo in quanto la Soc.An. Invicta venne acquisita dalla Olivetti nel 1938, che ne dismise definitivamente sia produzione che marchio nel 1950.

Saldatura di una guida del carrello spezzata

Saldare la ghisa è una operazione tutt'altro che semplice, tanto che solo pochi saldatori la sanno eseguire a regola d'arte. E quando come in questo caso la rottura è sulle guide di scorrimento... ci vuole una attenzione ancora maggiore! Vanno fissati due tondi ben rettilinei tramite morsetti sulle superfici rettificate in modo da tenere collineari a due a due le quattro superfici venutesi a creare con la rottura. È consigliabile fare una piccola preparazione a v su entrambi i lati. La ghisa va poi scaldata con una torcia a gas e successivamente con saldatrice Tig si effettua il riporto. Il cordone si può eventualmente molare, ma in casi come questo in cui l'elemento non è particolarmente in vista è preferibile non farlo a favore di una resistenza meccanica nettamente superiore. La parte così riparata è stata in seguito verniciata. Le superfici delle guide vengono lisciate con una pietra rettangolare e controllate con un riscontro bisellato. Se la geometria è buona si può rimontare, altrimenti va portato in centro rettifica per riportare la superficie perfetta come un tempo.

Lavaggio della meccanica in petrolio lampante

Ritocchi della vernice danneggiata